Cos’è WordPress

WordPress è un CMS (Content Management System),
ovvero un software di gestione dei contenuti.

Creato nel 2003 da Matt Mullenweg, il sistema era stato ideato come piattaforma per creare dei “blog”. Ben presto si è evoluto fino a diventare un software che permette la realizzazione di siti web di qualsiasi tipo. Grazie a WordPress è possibile realizzare un sito internet senza conoscere nulla di programmazione.

È un software Open Source distribuito sotto licenza GPLv2. Il fatto che sia un software Open Source significa che è possibile utilizzare, copiare e modificare WordPress senza chiedere il permesso a nessuno.

Il costante miglioramento delle funzionalità di questo CMS è il frutto del lavoro di migliaia di sviluppatori esperti che offrono il loro contributo in modo completamente gratuito: è proprio per queste ragioni che è possibile – per tutti – scaricarlo, installarlo ed utilizzarlo senza pagare alcunché.

Per mezzo di WordPress le informazioni, come le immagini e gli articoli che vengono inseriti in un sito internet, vengono salvate all’interno di uno speciale database. Nel momento in cui un navigatore accede ad una pagina del sito, il sistema leggerà dal database tutte le informazioni per far apparire sullo schermo del navigatore quella singola pagina web, proprio come per la pagina che stai guardando.

Per gestire le funzionalità del sistema si utilizza un pannello di controllo di cui esistono varie tipologie. Io personalmente utilzzo cPanel che è un pannello estremamente intuitivo e disponibile in moltissime lingue, fra cui l’italiano.

Ad oggi WordPress è la soluzione più popolare per creare un sito internet: oltre un terzo di tutti i siti attivi lo utilizza, proprio a conferma della validità del sistema.

Di seguito un elenco di alcune funzionalità offerte da questo famoso Content Management System:
  • migliaia di temi grafici – anche gratuiti – per intervenire sull’aspetto grafico del sito
  • implementazione delle funzionalità native per mezzo di plugin (ne esistono migliaia per le più disparate esigenze)
  • gestione delle categorie e tag
  • possibilità di avere più autori dei contenuti, anche con differenti livelli di autorità
  • editor visuale di ultima generazione per l’inserimento dei contenuti
  • creazione di sottodomini
  • possibilità di creare aree riservate
  • strumenti per la creazione di siti multi-lingua
  • integrazione con i social network
  • disponibilità di strumenti di sicurezza